L’ego spirituale

Walter's picture

« Vi parleremo un poco dell’argomento ego spirituale, ma ci torneremo in seguito. Questo argomento è vasto ma anche importante.

Gli esseri umani funzionano con diversi livelli di coscienza, ma talvolta questi diversi livelli di coscienza possono funzionare simultaneamente. Gli umani ricevono anche degli impulsi, spesso anche delle informazioni provenienti dalle loro multidimensionalità.

Ciascuno di voi dispone di ego spirituale, anche se non se ne rende conto ! Poco a poco, quando avrete realmente capito chi siete, ciò che siete venuti a portare in tutta umiltà, ciò che siete venuti a dare ed anche ciò che siete venuti ad ancorare, non avrete più bisogno dell’ego spirituale né semplicemente dell’ego. L’ego spirituale è un’altra energia dell’ego, è voglia di fare del bene, voler essere riconosciuti, voler aiutare gli altri, voler essere apprezzati dagli altri per un comportamento spirituale. La parola volere presto non esisterà più per ciascuno di voi.

Dovete semplicemente porvi queste domande ogni volta che agite :

In che stato d’animo l’ ho fatto ?

Per chi e perché ho avuto questo comportamento o per quale ragione agisco così ?

Quando aiuto mediante una cura ( qualunque sia ) per chi lo faccio ?

Quando lo fate, che questo sia per Amore totale, vale a dire per aiutare l’altro senza aspettarsi nulla, senza provare soddisfazione !

Certamente, potete, nei vostri comportamenti, compiacervi del lavoro compiuto, della missione compiuta, ma tra il piacere del lavoro compiuto ed il piacere nascosto, camuffato da un ego che mostra solo la punta del suo naso, bisognerà imparare a fare la differenza.

L’unica cosa che vi chiediamo è di prendere coscienza del modo in cui funzionate e di interrogarvi, di essere vigili con la parola. La maestria della parola è una tappa molto importante nella vostra evoluzione. Essa vi conduce verso la saggezza.

Gli esseri umani vogliono spesso offrire agli altri, conforto, aiuto. Questo parte spesso da un nobile sentimento ma se non sono vigili, questo sentimento si può trasformare in potere inconscio.

Potremmo dirvi ancora molte cose sull’ego o sull’ego spirituale. A nostro avviso l’ego spirituale è molto più subdolo perché è molto meno facile da individuare, da scoprire, dell’ego della vita quotidiana. L’ego spirituale si impreziosisce con i colori più belli, con i fronzoli più belli, è per questo che è molto più difficile da scoprire e quindi da trasformare.

Ciò che può mettervi al riparo dall’ego spirituale è l’Amore che offrite agli altri ed il modo in cui li aiutate, perché l’ego spirituale si trova spesso nell’aiuto che offrite loro.

Se nell’aiuto che offrirete agli altri sarete solamente un semplice canale molto umile e pieno d’Amore, non vi sarà mai soddisfazione per l’ego !

Sappiate che più vi renderete conto della vostra evoluzione, meno avrete voglia di parlarne, meno occorrerà parlarne. La vostra evoluzione spirituale riguarda solo voi, proprio come la vostra evoluzione. L’altro non può capire ciò che siete veramente per il motivo che avete voi stessi delle difficoltà a capirvi, a identificarvi, ma poco a poco le porte della vostra coscienza umana si apriranno una dopo l’altra sulla coscienza spirituale.

Molte cose si trasformeranno in ciascuno di voi, anche se non le comprenderete subito, anche se non le integrerete immediatamente. Poco a poco i veli cadranno ed è in quel momento che dovrete essere più vigili con voi stessi per non cadere nell’ego spirituale.

Talvolta, anche se non lo sentite, il vostro ego vi dice : « vedi, hai un po’ di capacità in più del tuo prossimo, hai le capacità di aiutare, di curare, di parlare bene, di scrivere bene, di confortare, tu sei più elevato del tuo prossimo ! »

Se questi pensieri vi sfiorano, dovete illuminarle con il vostro amore e rifiutarle il più rapidamente possibile. Tutto ciò che fate, qualsiasi atto della vostra vita deve essere compiuto con umiltà, con riconoscenza, con saggezza, con Amore, con gratitudine.

Per facilitarvi il compito, quando aiutate, offrite questo aiuto anche all’Universo ! Qualunque sia il modo in cui curate, prendetevi cura della persona che è arrivata (la parola cura del resto è completamente scorretta ma noi continuiamo ad adoperarla per facilità), fate ciò che dovete fare con tutto il vostro Amore ed offrite tutto questo all’Universo.

Tutto quello che date alle persone che vengono verso di voi, datelo anche all’Universo. Quando si fa un atto di dono, un atto di proiezione d’energia d’amore, abbiate semplicemente questo pensiero : tutto ciò che dono a quella persona, tutto ciò che le offro per aiutarla, lo dono e lo offro anche all’Universo perché senza la Sorgente, non sarei nulla, senza Energia Universale, senza questa immensa energia d’Amore che è attorno a me, non sarei nulla. Quindi, offrendo tutto questo anche all’Universo, io lo riconosco.

Ecco una piccola modalità di offrire all’Universo.

Per terminare con questo argomento, è tuttavia molto importante che aiutiate gli esseri che ne hanno bisogno, che diate loro, restituire loro la fiducia, il coraggio di continuare la loro strada e, per quanto vi sia possibile farlo, alleggerite le loro sofferenze fisiche o morali.

Ogni volta che compite un atto di questo genere, collegatevi all’Universo, alla Sorgente oppure alla madre Divina perché siate ben consapevoli di non essere voi gli attori, ma i trasmettitori mentre dentro di voi la parte Divina che illumina entra in grande attività.

Ecco ciò che volevamo dirvi su questo argomento. Naturalmente è molto più vasto e richiederebbe uno svolgimento molto più importante ma abbiamo fatto un piccolo passaggio nell’esposizione di questo argomento. »

 

Potete riprodurre questo testo e darne copie secondo le seguenti condizioni :

  • che non sia tagliato,
  • che non subisca nessuna modifica di contenuto,
  • che fate riferimento al nostro sito http://ducielalaterre.org
  • che menzionate il nome di Monique Mathieu.
 
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

Rate this article: 
Average: 3.3 (3 votes)